Cromoterapia: il colore che guarisce

Pubblicato il Pubblicato in Benessere, Stagioni: Estate

cromoterapia Verona

La cromoterapia è una medicina alternativa che vede nei colori il proprio punto di forza.

 

Cromoterapia nell’antichità

In principio fu Max Luscher, psicologo svizzero dei primi del XX secolo, a sostenere che i colori hanno un effetto terapeutico sull’intero organismo. Oggi la cromoterapia viene utilizzata in vari modi.

Nell’antico Egitto dalle piramidi di Giza un sentiero sacro conduceva ai “templi di cura solare”, dove si trattavano le malattie tramite la cromoterapia. Anche i Greci utilizzavano il colore come fonte di cura. Ippocrate, padre della medicina, sosteneva esistere un legame tra i colori e il buon funzionamento dell’organismo. L’antica medicina cinese utilizzava i colori per curare alcune patologie.

Anche nella più moderna cromoterapia, i colori sono associati ad alcune proprietà particolari. Si trovano alcune analogie con le tradizioni del passato: questo significa non solo che la terapia dei colori attuale ha mantenuto invariate molte linee di pensiero con i popoli antichi, ma dà un esempio sull’importanza di questa medicina alternativa, molto “sentita” da tutti i popoli di ogni epoca.

 

Come agisce il colore?

Il colore può essere assorbito in vari modi dal corpo, dallo spirito e dall’anima attraverso:

  • l’alimentazione
  • gli alimenti irradiati con i colori
  • la luce solare
  • l’irradiazione della pelle con la luce “artificiale”
  • il bagno nei colori
  • la meditazione dei colori

 

Come scegliere il colore giusto?

VERDE

Simboleggia l’armonia, la natura, l’equilibrio e la speranza: sembra agire a livello del sistema nervoso (solamente in base alla cromoterapia), calmando emicrania e patologie ai nervi; contribuisce a diffondere armonia e calma.

 

ROSSO 

È simbolo del fuoco, del sangue e dell’eccitazione sessuale: è collegato alla forza, alla vita e alla passione. Si ritiene che una parete dipinta di rosso possa incrementare la pressione del sangue ed accelerare il polso. Ancora, la cromoterapia utilizza il rosso nella medicina convenzionale contro bruciature e patologie esantematiche (eruzioni cutanee). Il rosso sembra essere utile contro depressione, asma, tosse e impotenza.

 

BLU

Si contrappone al rosso con effetto calmante, tranquillizzante e rinfrescante. Per questo motivo, la cromoterapia utilizza il blu nelle pareti per far dimenticare lo stress e tutti i problemi ad esso annessi come ansia, insonnia. Persino l’infiammazione viene placata con il blu (ovviamente non c’è nulla di scientificamente dimostrato). Addirittura si considerano le diverse tonalità del blu per alleviare certe condizioni: l’indaco servirebbe in caso di cataratta, il celeste per dare sollievo agli occhi.

 

GIALLO

Raffigura la parte intellettuale del cervello; secondo i cromatisti funge d’aiuto allo studio per favorire la concentrazione. Sembra essere in grado di infondere felicità, gioia e protezione; a livello gastrico, il giallo simboleggia l’eliminazione delle tossine.

 

Conoscere il significato dei colori ne permette l’utilizzo nella vita quotidiana per conseguire il benessere psicofisico riequilibrando non solo corpo e mente ma anche l’ambiente in cui viviamo.

 

“La vita è colore e il colore è vita al contrario dell’oscurità che è morte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *